Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

S.S.D. PRO SESTO
Lunedì 20 Aprile 2020 - Femminile - Non ci sono ancora commenti

RUGGERI: “ALLENAMENTI VIRTUALI PER RITROVARE LA NORMALITA'”

L’emergenza sanitaria e i contatti con le atlete biancocelesti, il primo posto in classifica e il futuro del campionato: abbiamo intervistato Andrea Ruggeri, tecnico della prima squadra femminile, toccando tutte le tematiche di stretta attualità. Lo sguardo del mister è molto lucido e non manca di sottolineare la compattezza del gruppo e della società sestese. 

Mister torniamo indietro di qualche settimana, precisamente all’ufficializzazione dello stop alle attività sportive…

Quando ci siamo visti l’ultima volta per allenarci… non pensavamo che sarebbe stata “l’ultima”. Eravamo tutti ottimisti sul prosieguo almeno degli allenamenti: poi però la realtà si è rivelata ben diversa…

Come avete reagito – in ambito sportivo - per gestire questa situazione di emergenza?

Nell’immediato, ognuno di noi è stato preso dalla pesantezza della cruda realtà di quanto stava accadendo. Nella prima settimana, il calcio è completamente sparito dai radar.

Poi, in accordo con lo staff e la dirigenza, abbiamo deciso che nonostante tutto fosse giusto e utile tenere aperto uno spazio “sportivo” con un duplice scopo: mantenere vitali le giornate e contemporaneamente tenere tutti pronti per un eventuale ritorno in campo.

A che punto era la stagione a fine febbraio? Qual è il giudizio sul rendimento della squadra?

Abbiamo assistito ad un “film” che ci è piaciuto: le ragazze si sono comportate molto bene, e la classifica che ci vedeva in testa con due punti di vantaggio era assolutamente soddisfacente, considerando poi che siamo stati in testa in solitaria per quasi l’intero svolgimento della stagione.

Pensare che in una eventuale ripresa avremmo potuto perdere qualcosa per aver staccato completamente la spina ci ha dato una spinta forte per impegnarci ed organizzare allenamenti “virtuali”, e questa molla è stata senz’altro positiva. Le ragazze in particolare sono entusiaste: in questo modo si tengono un forma e restano in contatto con il gruppo, elemento importante considerando la situazione attuale che viviamo. Abbiamo tutti molta nostalgia di Sesto, del nostro centro sportivo, dell’ambiente,  e delle maglia… ma dobbiamo metterli da parte per ora. Voglio poi ringraziare Alessandro Cartago e Assunta Tassone: il loro impegno è stato fondamentale per organizzare questi allenamenti che ripristinano un po’ di normalità e migliorano le giornate delle nostre ragazze.

Ha senso ipotizzare un rientro in campo?

Faccio solo una constatazione: noi dilettanti viviamo una situazione più complicata rispetto ai professionisti. Ci saranno per noi e per loro soluzioni diverse, ma al momento non ha molto senso sbilanciarsi…