Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

S.S.D. PRO SESTO
Ultime Notizie!
GLI AUGURI DEL PRESIDENTE

Desidero rivolgere a tutti i tesserati e tifosi della Pro Sesto l’augurio più sincero di un sereno Natale e un felice inizio di nuovo anno.

Il 2014 è stato un anno importante per i nostri colori, con la crescita generale della società, il consolidamento del buon lavoro svolto dal settore giovanile e dalla prima squadra.

Certo, la Pro Sesto non si può accontentare, lo impone la storia gloriosa biancoceleste. Spero, dunque, che il 2015 possa garantire ai nostri impagabili sostenitori di vivere quelle emozioni che sognano da tempo.

Il mio auspicio è che la Pro possa ottenere i risultati che merita, potendo lottare per il vertice della classifica. Un obiettivo importante e che solo con la collaborazione di tutti potrà diventare una realtà.

Ora godiamoci delle festività serene per poi rituffarci nel campionato e gioire per i nostri magici colori.

Salvo Zangari

Presidente Pro Sesto

PONTISOLA-PRO SESTO 2:1

Finisce con una sconfitta il 2014 per la Pro Sesto, che sul campo del Pontisola deve soccombere per 2 a 1.

I bergamaschi partono subito a razzo e dopo un quarto d’ora sono già avanti di due reti grazie alle marcature  di Ruggeri e Canalini.

I biancocelesti subiscono il colpo e per tutto il primo temo non riescono a reagire. I bergamaschi però rimangono in dieci per l’espulsione di Pergreffi e ad inizio ripresa la Pro accorcia le distanze con un tiro cross di Chessa deviato in rete da Michele Scavo.

Ora i biancocelesti attaccano, ci provano con convinzione ma i locali si chiudono a riccio.

Nel finale rimangono addirittura in 9 per l’espulsione di Ferreira Pinto ma il risultato non cambierà più. 

I GIOVANI, IL FUTURO DELLA PRO

“Sono soddisfatto del lavoro svolto sino ad oggi, abbiamo un settore giovanile in crescita e che sta ottenendo buoni risultati”.

Parole e musica di Jacopo Colombo, responsabile del settore giovanile della Pro Sesto, che traccia un primo bilancio della stagione a pochi giorni dalla fine del 2014.

“Gli Juniores sono in corsa per i play off, i ’98 hanno vinto il campionato e ora sono nel campionato dei Regionali B, i 2000 sono secondi in classifica, i 2001 hanno centrato il passaggio ai Regionali B. Bene così”.
Anche i ragazzi dai 2002 ai 2007 stanno ottenendo risultati importanti, figurando spesso al meglio con compagini del calibro di Milan e Inter: segno che si sta lavorando con competenza.


Il vivaio biancoceleste, insomma, continua a crescere; ora  sono oltre 350 i ragazzi che vestono la casacca della Pro. Un risultato straordinario se pensiamo che solo pochi anni fa la società era fallita e il futuro nebuloso.

“Oggi stiamo facendo un lavoro importante, grazie anche ai miei collaboratori Mario Sava, Tommaso Pastore e Daniele Bernabé. Ma voglio ringraziare pubblicamente il presidente Salvo Zangari e Nicola Radici per l’impegno, la competenza e l’entusiasmo con cui conducono la società; grazie anche a Mauro Ferrero che ci permette di svolgere il nostro compito al meglio”.

Ma l’obiettivo principale per Jacopo e i suoi collaboratori è inculcare ai ragazzi i valori più alti dello sport. “La lealtà e la correttezza, l’altruismo e il senso dell’amicizia. Sono questi i principi ai quali io e la società teniamo molto. In più i ragazzi devono capire che indossare la maglia della Pro Sesto è un onore, è una casacca che pesa e ha una storia incredibile. Bisogna essere orgogliosi di poter vestire i colori biancocelesti”.

Infine, un messaggio importante ai genitori dei ragazzi che quotidianamente frequentano lo stadio Breda: “Si ricordino che devono fare vivere i bambini con serenità e tranquillità, non pretendendo di vedere i loro figli già con la maglia del Milan e della Juventus. Non commettano l’errore di riversare i loro problemi sui figli. Abbiano la forza di rimanere obiettivi ed equilibrati, sono i ragazzi che giocano a calcio, non certo loro”.