Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

S.S.D. PRO SESTO
Ultime Notizie!
IL PUNTO DEL VICEPRESIDENTE

"Giudico positivamente la prima parte della stagione della Pro Sesto. Dovessi quantificarla con un voto, dire 6,5". In vista della difficilissima trasferta di Lecco, il vicepresidente della Pro Sesto, Nicola Radici, fa il punto della situazione sul campionato della sua squadra.

"Partiamo dagli aspetti positivi - spiega Nicola Radici -, sicuramente la squadra ha espresso un gioco spesso piacevole e divertente e poi‎ si è visto un gruppo di 'under', giovani del '95, '96 e '97, che hanno dimostrato qualità e carattere. Non è un caso che spesso mister Roncari abbia schierato nell undici di partenza 5/6 giovani per scelta e non solo per necessità".

"E dico questo - aggiunge il vicepresidente - perchè siamo reduci da un'estate dove il calcio italiano, ai Mondiali, ha dimostrato di avere poco coraggio nel lanciare i giovani. Concetto, questo, rilanciato con forza proprio in queste ore dal c.t. azzurro Conte. Bene, noi nel nostro piccolo, stiamo provando a dare un'impronta diversa valorizzando i nostri ragazzi".

"Passando a quelli che possono essere catalogati come elementi negativi - continua Radici - direi innanzitutto che abbiamo sprecato molti punti e troppo spesso abbiamo faticato a chiudere partite dominate finendo poi per prendere gol. Le attenuanti? Purtroppo gli infortuni molto lunghi di elementi-cardine quali Castagna, Corti e Gritti nel periodo agosto settembre, poi quelli più recenti di Fronda e Pansera. Anche la sorte non ci è stata amica, un dato su tutti: i 3 rigori sbagliati da un fenomeno come Spampatti che nonostante questi episodi si sta mantenendo a livelli eccezionali segnando gol a raffica".

"I tifosi mi chiedono spesso dove può arrivare questa Pro Sesto. Voglio essere franco e razionale: in questo campionato lo 'scudetto' lo vince una sola squadra. Tutte le altre, soprattutto le 6/7 che reputo competitive per le posizioni di vertice, restano in lizza per un piazzamento onorevole. Io credo che sia alla nostra portata un campionato sul livelli di quello passato, cercando però di raggiungere le prime cinque posizioni".

"Continuando a giocare un calcio piacevole e valorizzando l'interessante gruppo di under - conclude Radici - abbiamo,possiamo nutrire il sogno di avvicinarsi a Seregno e Castiglione che in questa prima fase della stagione hanno allungato il passo. Mi sento di dire che Salvo Zangari, che ancora una volta ringrazio pubblicamente per quello che ha fatto e sta facendo per Sesto San Giovanni e per la Pro Sesto, abbia fatto, insieme a tutti i suoi collaboratori, un ottimo lavoro. Ora la città e i tifosi devono sostenerci, a partire già dalla trasferta di domenica a Lecco"

PRO SESTO - CARAVAGGIO 1:1

Contro il Carvaggio un pareggio per 1-1 e tanto amaro in bocca.

Dopo il "solito" grande primo tempo, con il "solito" grande gol di Spampatti (bordata sotto l'incrocio) e un predominio territoriale con almeno 3 occasioni clamorose non finalizzate, la Pro nella ripresa regala al Caravaggio un punticino inatteso.

Su una ripartenza ospite Erba commette fallo da ultimo uomo e viene espulso. La Pro rimane in 10 e sugli sviluppi della punizione dal limite Zagari fa 1-1.

In mezzo ,il cambio di Capelloni per Gritti e poi quello di Castagna per Baresi.

Un vero peccato! Ancora...

Domenica appuntamento contro il Lecco. FORZA PRO

Cliccate QUI per il tabellino della gara.

MICHELE SCAVO: "UNITI E CONCENTRATI"

Un gol fondamentale, che ha permesso alla Pro Sesto di avere la meglio sull’Atletico Montichiari e venire a capo di una partita che stava diventando complicata.

L’eroe di giornata in terra bresciana è sicuramente Michele Scavo, classe ’87, un passato con le maglie, tra le altre, della Caronnese, Solbiatese, del Renate e del Legnano. Ora, la sua prima stagione con la Pro Sesto.

“Sono felice per aver realizzato il primo gol con la maglia biancoceleste – dice Michele -, una marcatura importante anche perché è coincisa con la conquista dei tre punti”.

Ora ecco unaltro avversario tosto, al Breda arriva il Caravaggio…

“La squadra cresce di partita in partita, siamo un gruppo nuovo e stiamo facendo buone cose. E poi là davanti abbiamo un fenomeno come Spampatti che può decidere le gare quando vuole. Certo, se proprio devo trovare un difetto è che sprechiamo tante occasioni. Ma non mi preoccupo, con la concentrazione e la compattezza sapremo far sparire anche questa pecca”.

Come ti trovi a Sesto?

“Benissimo, con i compagni si è instaurato da subito un ottimo feeling, la società è seria e il pubblico è competente ma non assillante. Insomma, il luogo giusto dove giocare a calcio”.

Dove può arrivare secondo te questa squadra?

“Puntiamo in alto. Ma non è certo facile, visto che siamo in un girone molto equilibrato con tante compagini forti. Oltre al Seregno e al Castiglione mi sta impressionando il Lecco, che è partito molto forte”.

E quali sono i tuoi obiettivi personali con la maglia biancoceleste?

“Spero di potermi ritagliare uno spazio importante, come ho fatto a Montichiari. E’ chiaro che tutti i giocatori ambiscono a scendere in campo il più possibile e io spero di avere l’opportunità di dimostrare il mio valore. Mi alleno con serietà e attenzione, solo così posso conquistare la fiducia dell’allenatore”.