Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

S.S.D. PRO SESTO
Lunedì 10 Dicembre 2018 - Pro Sesto - Non ci sono ancora commenti

ALESSANDRO DI MAIO IN BIANCOCELESTE

Ha giocato il secondo tempo della vittoriosa trasferta di Seregno, sostituendo Bugno infortunato, e ha disputato una gara impeccabile, come se fosse in Pro Sesto da sempre.
Insomma, non ci poteva essere esordio migliore per Alessandro Di Maio, nuovo difensore centrale biancoceleste.

Classe ’87, siciliano d’origine ma milanese d’adozione, cresciuto nelle giovanili dell’Aldini per poi passare alla Primavera del Genoa e mettere in bacheca una lunga e prestigiosa carriera tra D e C in giro per l’Italia: “Molti compagni già li conoscevo e ho dato il massimo. Sì, mi sono trovato molto bene e sono soddisfatto della gara disputata dalla squadra e del risultato”.

Il suo arrivo a Sesto è stato improvviso, come spiega lo stesso “The Wall” Di Maio: “Ero al Como ma non trovando molto spazio aveva deciso di cambiare aria e stavo per tornare al Caravaggio, compagine nella quale avevo già militato in passato. Poi ho ricevuto una telefonata del mio procuratore, che mi informava dell’interesse della Pro Sesto. Non ci è voluto molto per mettermi d’accordo con il ds Colombo: venire a Sesto per me è un sogno che si avvera, si tratta di una piazza storica e importante, con traguardi ambiziosi”.

E la vittoria con il Seregno è arrivata nel momento più importante, per tentare la rincorsa alla vetta: “Sapevo di venire a giocare in una squadra forte ma da quando sono nello spogliatoio posso dire di aver trovato un gruppo fantastico, mi hanno tutti accolto benissimo e posso dire senza timori di essere smentito che siamo una squadra molto competitiva. Ce la potremo giocare sino alla fine per la vittoria finale”.

Anche perché il gruppone là davanti è di alto livello, come riconosce Di Maio: “Dal Mantova al Como, sino al Rezzato e alla Caronnese, sono tutte squadre importanti e noi lotteremo con loro per vincere questo campionato. Cosa serve per il successo? Bisogna saper curare anche i minimi dettagli in modo maniacale, non lasciare nulla di intentato ed essere sempre sul pezzo. Anche un solo punto può fare la differenza”.

A cominciare dalla sfida di mercoledì, quando al Breda arriverà il Rezzato: “Compagine che ama giocare a calcio, con un tasso tecnico notevole. Ecco, se vorremo ottenere il massimo dovremo fare totale attenzione ad ogni istante della gara, sfruttando le occasioni che ci capiteranno”, conclude Di Maio.