Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

S.S.D. PRO SESTO
Domenica 22 Dicembre 2019 - Pro Sesto - Non ci sono ancora commenti

FINISCE IN PARITA' AL FERRUCCIO: 2-2

 

Seregno –  i biancocelesti di Francesco Parravicini tornano da Seregno con un positivo pareggio: una prova di grande carattere e attenzione per l’undici sestese che, nonostante lo svantaggio iniziale, riesce addirittura a ribaltare il punteggio pur giocando la quasi totalità del secondo tempo in inferiorità numerica.

Alla luce della sconfitta del Legnano, l’undici sestese conclude il girone di andata al primo posto con un vantaggio di 6 lunghezze sui lilla. Il Seregno, in piena rivoluzione da calciomercato, resta a 13 punti di distanza.

La cronaca – mister Parravicini è alle prese con diverse defezioni: Monni è squalificato, mentre ai lungodegenti Omayer e Romeo si è aggiunto Caverzasi. Il tecnico sestese sceglie Bosco come terzino e Giubilato per affiancare Bettoni, mentre in avanti è Cominetti ad agire come riferimento centrale con Scapuzzi e Capelli ai lati. Panchina iniziale per Segato.

In un Seregno in piena rifondazione mister Gardano schiera un 3-5-2 con uno degli ultimi acquisti, l’attaccante Lucatti, in campo dal 1’. La squadra brianzola , priva dello squalificato Valsecchi, si affida all’esperienza di La Camera in mediana e Borghese in difesa.

L’avvio dei sestesi è piuttosto contratto: la squadra di Parravicini abbassa il baricentro, concedendo un paio di situazioni potenzialmente pericolose in area che però vengono sbrogliate prima da Bosco poi da capitan Scapuzzi in azione di ripiegamento difensivo.

Al 10’ azione seregnese con spizzata di Blazevic per Lucatti: il numero 23 si invola verso l’area sestese, tallonato da Bettoni. L’attaccante di casa termina a terra, e il direttore di gara senza esitazione assegna la massima punizione sventolando anche un cartellino giallo davanti al centrale sestese. Dal dischetto si presenta lo stesso Lucatti, che col mancino incrocia la conclusione firmando il vantaggio brianzolo.

La partita si gioca soprattutto a centrocampo: spazi stretti e frequenzi interruzioni. Al 18’ pareggiato il calcolo delle ammonizioni: sanzionato Tomas per un fallo su Scapuzzi. Poco dopo rischia anche Ferrari, che sgambetta vistosamente Bosco.

La Pro prova a macinare gioco per rispondere all’agonismo brianzolo: Scapuzzi e Cominetti manovrano in un fazzoletto in area avversaria, il capitano cerca il palo lontano con pochissimo angolo a disposizione, palla sporcata in corner. Mister Gardano, preoccupato da un paio di folate di Capelli sulla fascia, chiede a Zoia di abbassarsi più spesso: di fatto la linea difensiva del Seregno passa a 4 in fase di non possesso. Al 30’ spunto seregnese dalla sinistra: il traversone scavalca l’intera area ed arriva a Ferrari, che perde l’attimo per calciare di prima intenzione verso Tamma. In campo cresce l’agonismo: Bosco viene ammonito per un intervento duro su Ferrari. La gara scivola via senza emozioni fino finale di tempo: al 39’ Zoia protesta per un presunto sgambetto di Amato in area sestese: il sig. Perri è ben piazzato e lascia proseguire; passano 3’ e  Bettoni perde un pallone al limite dell’area sul pressing di Ferrari, per fortuna della Pro il numero 44 calcia malissimo verso Tamma. Mister Parravicini prova a dare maggior peso all’attacco, spostando Capelli e Carullo più avanti: al 45’ scarto del numero 7 che trova tra due avversari lo spiraglio giusto per servire Gattoni, cross al bacio per l’inserimento di Carullo e da due passi il numero 11 sestese sigla il suo 3° gol in campionato, che manda le squadre al riposo in parità.

Nessun cambio durante l’intervallo. Il primo sussulto è di Zoia, che si ritaglia lo spazio per un traversone da sinistra, ma la perfetta lettura di un attento Scapuzzi imbavaglia il tentativo di Gazo. Cominetti si danna l’anima inseguendo ogni pallone, ma dal punto di vista fisico il trio brianzolo è davvero solido. Al 50’ traversone di Invernizzi e colpo di testa di Gazo: Tamma blocca in due tempi. Passano 60’’ e Bettoni entra in contrasto proprio con Gazo: per il direttore di gara l’intervento è da ammonizione, e per il già ammonito Bettoni scatta l’espulsione. Pro Sesto costretta in 10 uomini dal 51’.

La partita torna a farsi nervosa: anche Gualdi finisce sul taccuino dell’arbitro per proteste. Minuto 54’: Giubilato controlla un pallone verso Tamma, Blazevic in ritardo smanaccia verso il numero 5 senza che la terna se ne avveda.

Girandola di sostituzioni al 55’: fuori Capelli per Segato, nel Seregno La Camera lascia il posto a De Angelis. Con l’espulsione di Bettoni mister Parravicini sposta Bosco accanto ad amato, con Carullo che arretra nel ruolo di terzino. Al 60’ gran pallone in profondità di Carullo per Gualdi: la sfera sorprende il terzetto seregnese, con Gualdi che non arriva alla deviazione vincente per pochi attimi. Mister Gardano tenta il tutto per tutto: in campo anche Labas per Ferrari nel tentativo di irrobustire l’attacco. Mister Parravicini risponde schierando Maldini – all’esordio in campionato – e Tota, in luogo di Gualdi e Amato. La partita danza su un filo, con il risultato costantemente in bilico pur senza grandi occasioni in cronaca.

Al minuto 70 Scapuzzi regala un pezzo di bravura al pubblico del Ferruccio: il capitano sestese controlla un pallone destinato all’out, e punta con decisione l’area avversaria. Imprendibile per la difesa di casa, Scapuzzi slalomeggia tra maglie bianche prima di essere atterrato irregolarmente: calcio di rigore assegnato dal direttore di gara. Sul dischetto va Segato che con grande freddezza e sicurezza trasforma con una conclusione potente nel sette. Doccia gelata per il pubblico del Ferruccio, e grande esultanza dei pochi sostenitori sestesi nel settore ospiti.

Il Seregno schiuma rabbia e si riversa in attacco: al 78’ una mischia mette i brividi a Tamma prima che giubilato possa allontanare. All’ultimo minuto di gioco sfondamento centrale del Seregno: palla che dopo un rimpallo arriva a Bonaiti che calcia di potenza e trova il punto del pareggio.

Il 2 a 2 mette le ali ai piedi ai brianzoli, che mandano in campo anche Artaria nel ruolo di 4° attaccante: la Pro stringe ulteriormente le linee, chiedendo a tutti il massimo sacrificio. Nei 6’ di recupero ci prova ancora Bonaiti, sempre con un destro potente che termina però fuori: il punteggio non cambia più.

 

SEREGNO - PRO SESTO 2-2 (1-1)

Seregno (3-5-2): 1 Barlocco; 5 Tomas, 55 Borghese, 13 Gregov; 3 Zoia, 33 Invernizzi, 10 LaCamera (55’ 21 De Angelis 90’ 8 Artaria), 26 Gazo (77’ 4 Bonaiti), 44 Ferrari (62’ 69 Labas); 23 Lucatti, 9 Blazevic (60’ 7 Louati) (22 Galimberti, 6 Mantegazza, 14 Lazzaroni, 29 Clerici) All. Gardano.

Pro Sesto (4-5-1): 1 Tamma; 2 Amato (65’ 17 Tota), 5 Giubilato, 6 Bettoni, 3 Bosco (88’ 14 Di Maio); 7 Capelli (55’ 20 Segato), 4 Gattoni, 8 Gualdi (65’ 19 Maldini), 11 Carullo, 10 Scapuzzi; 9 Cominetti (12 Cioffi, 13 Bulgarella, 15 Paoluzzi, 16 Crosariol, 18 Carnevale) All. Parravicini

Arbitro Sig.  Perri  di Roma 1 (Giudice - Bianchini)

Marcatori: 11’ rig. Lucatti (S), 45’ Carullo (P), 73’ rig. Segato (P), 90’ Bonaiti (P)

Ammoniti: Tomas (S), Bosco (P), Gualdi (P), Gattoni (P), Scapuzzi (P)

Espulsi: 51’ Bettoni (P) per doppia ammonizione

Recupero: 1’+ 6’

Note: giornata soleggiata e fredda, terreno in condizioni accettabili.

A breve la cronaca completa