Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

S.S.D. PRO SESTO
Martedì 26 Novembre 2019 - Femminile - Non ci sono ancora commenti

JUNIORES FEMMINILE, MISTER LAGHEZZA: 'NON CI PONIAMO OBIETTIVI'

​​​​​​

Il mister è soddisfatto della stagione delle sue ragazze, che occupano il secondo posto in classifica; ma ancor più evidente è la crescita e il miglioramento tecnico delle giovani calciatrici.

Come è andata la trasferta contro l’Azalee, capolista del campionato?

Molto bene, ci speravo perchè sapevo che eravamo in buona condizione, cariche e disponibili. L’Azalee ha vinto l’anno scorso il campionato e in questa stagione ne ha vinte 9 su 9, segnando più di 70 gol. Per le statistiche non avremmo avuto scampo, ma abbiamo pareggiato 0-0. Loro sono molto forti con individualità spiccate, le mie ragazze sono state attente e anche pericolose in attacco. Risultato giusto. Deve essere per loro il segnale che possono fare questo tipo di partite, con sacrifico”.

 

La squadra è seconda in classifica a meno 4 dalla prima, qual è l’obiettivo della stagione?

No, io non mi sono prefissato obiettivi di classifica. Con Vanessa (collaboratrice) abbiamo fatto una riunione, dove abbiamo deciso di seguire la crescita delle ragazze e il miglioramento della tecnica, sempre con un occhio al campionato. Abbiamo ripreso tutti i fondamentali, abbiamo deciso di puntare sulla crescita e miglioramento con organizzazione e grinta, la vittoria deve essere frutto di questo percorso. I risultati si vedranno in futuro, ma mi fa piacere che alcuni di questi stanno già arrivando, perché comunque ad ora siamo seconde. Coniughiamo la crescita insieme al campionato. A metà stagione vedremo a che punto saremo”.

 

È soddisfatto delle sue ragazze? Melissa Bisi ci ha raccontato di un gruppo molto unito…

Le ragazze sono molto unite, sono brave ragazze. Siamo stati falcidiate da tanti infortuni, quindi costretti ad attingere qualche giocatrice già pronta dalle allieve e qualcuna, che magari deve fare minutaggio, dalla prima squadra. Nonostante giochiamo con ragazze che ci vengono “prestate”, tutte si sono integrate bene. Questo mi ha colpito”.

 

Qualcuna di loro è già pronta per giocare con costanza nella prima squadra?

Io penso che con costanza ancora no. Devono crescere. Il livello della Prima squadra poi si è alzato e si sono aggiunti elementi che hanno migliorato ancor di più la rosa. Quindi ora con costanza non so, ma la partita singola si. Devono crescere”.

 

La prima squadra domina il suo campionato e voi siete secondi, cosa significa questo per la realtà Pro sesto?

“Penso che debba essere una soddisfazione! Io sono stato tra i primi che aveva a cuore il “progetto femminile”. Ho percepito che qua a Sesto avevano lo stesso interesse. Due anni fa non c’era l’obbligo di avere la squadra femminile, ma l’hanno fatta comunque, devo dare atto alla proprietà. Ci hanno visto lungo. Questi sono i primi frutti. Non so come andrà a finire la stagione ma spero al meglio possibile. La prima squadra è la punta di diamante. Tutto questo momento è la riscossione di una scommessa lungimirante. Sono contento di aver aiutato la società”.