S.S.D. PRO SESTO
Venerdì 15 Maggio 2020 - Pro Sesto - Non ci sono ancora commenti

CARLOTTA CASTELLI: “ASPETTO IL CAMPO, TRA ALLENAMENTI IN VIDEO ED ESerieD

L’arrivo in biancoceleste, l’infortunio, la lunga ripresa ed ora lo stop per l’emergenza sanitaria. Non sono mancate le difficoltà nelle stagioni in maglia Pro Sesto di Carlotta Castelli, ma la determinazione e la voglia di tornare in campo sono più forti di tutto: così, in attesa di riprendere posto tra i pali della Prima Squadra di mister Ruggeri, Carlotta ha ricominciato ad assaporare il calcio “giocato” nel campionato eSerieD, la prima competizione su console organizzata dalla LND, insieme ad altri 4 atleti biancocelesti.

Incontriamo Carlotta all’indomani del netto successo per 3 a 0 del team sestese sul Grosseto: l’occasione giusta per spaziare su quanto successo nell’intera stagione…  

Carlotta, che stagione hai vissuto quest’anno?

Sono al secondo anno in Prima squadra qui a Sesto. L’anno scorso purtroppo ho avuto un infortunio serio alla 3° giornata, e di fatto ho perso l’intera stagione. In questo campionato invece stavo pian piano rientrando a pieno regime, quando poi siamo state costrette a fermarci. Un vero peccato, perché stava andando tutto molto bene.

Come ti sei avvicinata al calcio?

Ho iniziato a giocare a Bollate, a 11 anni. Da lì sono passata al Real Meda, poi a Varedo fino ad arrivare in Serie B con la maglia del Fiamma Monza, due stagioni fa in serie B.

Come vi tenete in contatto con le altre calciatrici e lo staff?

La società ha organizzato degli allenamenti collettivi in video chiamata: iniziativa davvero bella e …seria! Non mi aspettavo di potesse davvero riuscire a fare una cosa così: gli allenamenti sono intensi, “veri”, e al termine si sente eccome la fatica! Certo non è come stare insieme in spogliatoio o tutti sullo stesso campo, però…

Dal calcio giocato al torneo eSerieD: come sei arrivata a far parte del team sestese?

Tutto è nato da un messaggio di mister Ruggeri nel gruppo: chiedeva se qualcuna di noi ragazze fosse interessata a partecipare… io ci ho pensato un po’ poi mi sono proposta. Gioco ogni tanto con mio fratello e ho pensato  “perché no?”. E’ piuttosto divertente, sto anche conoscendo i miei compagni di squadra, che non conoscevo prima di questo torneo.

Ci racconti più in dettaglio “come si gioca”?

Ogni team è composto da 5 giocatori: ciascuno controlla un “suo” personaggio, definito con alcune caratteristiche base ma che migliora partita dopo partita. Generalmente usiamo giocatori di movimento: io ad esempio ho finora segnato una rete, su rigore. La sfida è con un team identico che controlla un’altra squadra: i giocatori restanti sono controllati dal computer. Dal punto di vista dei risultati siamo reduci da una bella vittoria, speriamo di continuare così: l’obiettivo è terminare il campionato  - a girone unico – nelle prime otto posizioni per poter disputare i playoff.

Che cosa immagini per il tuo futuro e quello della Pro Sesto?

E’ impossibile fare previsioni: ci sono troppi punti di domanda.  Noi sul campo abbiamo dimostrato di meritare il primo posto…vediamo quali decisioni saranno prese. Adesso è presto per qualsiasi ragionamento anche sul mio futuro: di certo il primo obiettivo è tornare in piena forma per lasciarsi alle spalle l’infortunio al ginocchio.