Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

S.S.D. PRO SESTO
Giovedì 18 Ottobre 2018 - Pro Sesto - Non ci sono ancora commenti

BERTANI:"ORA SAPPIAMO DI ESSERE FORTI"

Un gol liberatorio, dopo aver stampato sulla traversa un calcio di rigore, un gol importante anche e soprattutto perché ha regalato alla Pro Sesto i tre punti sull’ostico campo della Virtus Bergamo, una delle squadre più in forma del campionato, prima dell’arrivo della truppa biancoceleste. E Cristian Bertani, bomber sestese, inizia a scalare la classifica dei cannonieri: ora sono due le reti dell’attaccante ex Sampdoria e Novara.

Felicità per il gol, naturalmente, e soprattutto per la vittoria, un chiaro segnale a tutto il campionato che la Pro Sesto c’è. “Un segnale per gli altri? Soprattutto per noi, direi”, spiega il giocatore classe ’81. “In queste prime gare di campionato non abbiamo raccolto per quanto seminato, penso alla gara con la Caronnese, dove abbiamo giocato un gran calcio eppure siamo tornati a casa con le mani vuote. Ecco, vincere con la Virtus Bergamo ci deve dare consapevolezza dei nostri mezzi. Sapevamo già di essere forti, ma come sempre è il campo a parlare ed ora ne abbiamo piena coscienza. Certo, non abbiamo fatto ancora nulla, eh, il cammino è lungo e irto di insidie”, ammonisce Bertani.

A cominciare dalla sfida di domenica con l’Olginatese, attualmente ultima in graduatoria: “Sono le partite che temo di più. Sai, è facile essere concentrati con le prime della classe, lo stesso atteggiamento bisogna però averlo con tutti. E poi l’Olginatese non vale il fondo della classifica, conosco personalmente l’allenatore e molti giocatori che compongono la rosa dei lecchesi (tra i quali gli ex biancocelesti Cristofoli e Guanziroli, come il tecnico Delpiano), sono elementi validi per la categoria e ci daranno filo da torcere. Insomma, come si dice in queste occasioni, guai ad abbassare la guardia”.

La Pro cercherà i tre punti affidandosi ad uno schema super offensivo che sta dando i suoi frutti, con Guccione, Scapuzzi, Duguet e Bertani tutti in campo dall’inizio: “Per vincere tutta la squadra deve sapere bene come stare in campo, a prescindere dallo schieramento. In avanti il nostro compito è fare gol ed aiutare in ripiegatura, solo così tutto funziona come si deve”.

Un campionato lungo ma che sta già esprimendo i suoi valori, con Como, Mantova e Rezzato là davanti, insieme alla Pro Sesto. Bertani non si sbilancia ma una cosa la vuol dire con grande convinzione: “Vincere è sempre difficile, entrano in gioco tanti fattori. Ma noi alla Pro abbiamo quello più importante, vale a dire uno spogliatoio unito e compatto. Quando arriveranno i momenti difficili, noi li supereremo grazie al nostro spirito”.